Realta Virtuale in tribunale per visitare la scena del crimine

Realtà Virtuale in tribunale per visitare la scena del crimine

La realtà virtuale (VR) viene spesso utilizzata per momenti di intrattenimento ed educativi, trasponendo l’utente in un ambiente generato dal computer. Tuttavia, questa tecnologia potrebbe servire occasioni ben più importanti, giocando, chissà, un ruolo decisivo.

I ricercatori australiani stanno studiando i vantaggi che la tecnologia VR potrebbe rappresentare in un’aula di tribunale.

In un articolo pubblicato nel maggio di quest’anno, i ricercatori della University of South Australia hanno cercato di capire se la capacità di ispezionare le scene del crimine, tramite la realtà virtuale, potrebbe aiutare le giurie a prendere decisioni in tribunale. Quindi hanno testato l’impatto della visualizzazione della stessa scena del crimine in realtà virtuale o fotografie e hanno scoperto che la tecnologia ha portato i partecipanti allo studio ad un verdetto diverso e più coerente.

Abbiamo scoperto che i partecipanti erano significativamente più precisi nel ricordare il corretto posizionamento degli elementi del test. I partecipanti che hanno visto la scena in modalità foto hanno condiviso il loro verdetto, mentre i partecipanti alla realtà virtuale hanno raggiunto una decisione quasi unanime.

I ricercatori hanno scritto, osservando che quelli in VR erano anche più bravi a ricordare alcuni aspetti narrativi.

Gli investigatori hanno costruito il loro prototipo sperimentale utilizzando un dispositivo per videogiochi e un dispositivo VR , VIVE Pro Eye. Analizzando una scena del crimine simulata, hanno presentato a due gruppi di 15 partecipanti lo stesso scenario: le conseguenze di una disputa di parcheggio tra due persone, culminata in la morte di uno di loro. Mentre un gruppo ha esplorato la scena in VR interattivo, l’altro ha ricevuto solo fotografie del crimine.

Pertanto, è stato possibile vedere che il contesto in cui sono state presentate le prove ha avuto un impatto sull’interpretazione delle informazioni da parte dei partecipanti, nonché sul loro verdetto. In altre parole, l’interattività della VR ha permesso ai partecipanti di esaminare la scena del crimine, aiutandoli a ricostruire coerentemente gli eventi nelle loro menti.

Anche la capacità di consentire ai partecipanti di vedere letteralmente il punto di vista dell’imputato è stata particolarmente incisiva, con sei delle 15 persone del gruppo VR che hanno affermato specificamente che ciò ha influenzato il loro verdetto.

Successivamente, i partecipanti a cui sono state mostrate le prove fotografiche hanno avuto l’opportunità di vedere lo scenario dal punto di vista della realtà virtuale. Almeno uno ha affermato che avrebbero cambiato il loro verdetto iniziale, mentre coloro che hanno scelto una condanna più dura in questo scenario hanno guadagnato ancora più fiducia nella loro decisione.

Sebbene i risultati siano favorevoli all’utilizzo di dispositivi VR per aiutare la giuria a decidere un verdetto, Andrew Cunningham , uno dei responsabili dello studio, ritiene che presentarlo in tribunale, per ora, richiederebbe un giudice progressista.