Oculus Mark Zuckerberg punta su una scommessa vincente

Oculus: Mark Zuckerberg punta su una scommessa vincente

Oculus è una delle aziende che potrebbe sembrare quasi un capriccio di Mark Zuckerberg, ma di fronte a una realtà che ci tiene a casa, avere questo tipo di apparecchiature non solo aiuta gli utenti a divertirsi di più, ma aiuta anche a crescere il mercato dello sviluppo di applicazioni.

In un’intervista podcast per The Information, Mark Zuckerberg ha esposto la sua idea sul prossimo decennio nella realtà virtuale e aumentata, compresi i futuri dispositivi Oculus VR.

Una delle cose di cui sono davvero entusiasta per le versioni future è l’eye tracking e il face tracking, perché se sei davvero entusiasta della presenza sui social, devi assicurarti che il dispositivo abbia tutti i sensori per generare effettivamente avatar animati e realistici per questo puoi comunicare bene in questo modo“, ha detto Zuckerberg.

Ciò implica che gli sviluppi della realtà virtuale saranno sempre più umani e che la percezione dell’ambiente sarà più rilevante.

Zuckerberg ha affermato nell’intervista che le modifiche all’hardware avranno un focus importante sulla creazione di avatar. In VR, “le cose più importanti su cui siamo molto concentrati in questo momento è il modo in cui fondamentalmente impacchettate più sensori per creare una migliore esperienza sociale sul dispositivo“.

Quando penso a dove ti trovi oggi con la realtà virtuale, entri nell’esperienza: ci sono alcuni giochi piuttosto buoni ed esperienze diverse. Ma mi piacerebbe arrivare al punto in cui hai avatar realistici di te stesso, dove puoi stabilire un contatto visivo autentico con qualcuno e avere espressioni reali che si riflettono nel tuo avatar“, ha detto il manager di Facebook.

Il percorso che si traccia per avere avatar più “reali” è qualcosa su cui le aziende possono lavorare di più e per scopi diversi.

Zuckerberg ha indicato che Oculus sta già visualizzando l’hardware di Quest 3 e 4, una scommessa che indica che la ricerca di avatar potrebbe essere vista entro la fine di questo 2021.

Secondo The Verge, la rilevanza di questo tipo di mercato per il CEO di Facebook è completata dall’acquisizione da parte di Zuckerberg di CTRL-Labs, una società che produce braccialetti che rilevano e interpretano i segnali neurali, proprio come Neuralink di Elon Musk ma meno invasivo.

Non pensiamo che le persone vorranno che le loro teste vengano trapanate per usare la realtà virtuale o aumentata“, afferma Zuckerberg. Sottolinea che Neuralink ha applicazioni molto reali, in particolare per le tecnologie mediche come le protesi degli arti. “Ma alla fine, non credo [che] farà parte di un prodotto di consumo che sarà offerto in qualunque momento presto“, osserva The Verge.