Notizie

Quale dieta per il fegato ingrossato?

Il fegato ingrossato, una patologia meglio nota col nome di epatomegalia, è un disturbo abbastanza diffuso e non troppo preoccupante, ma del quale bisogna prendere atto come di un problema da eliminare alla svelta. Soprattutto, è bene non sottovalutare le cause che possono portare a questa condizione, per evitare peggioramenti.

dieta fegato ingrossato

Il fegato ingrossato solitamente non comporta delle grandi modificazioni simili, talora un dolore nella zona addominale, in alto a destra. In questo caso è opportuno rivolgersi subito ad un medico per domandare il da farsi e per diagnosticare l’eventuale disturbo. Le cause del fegato ingrossato possono essere molte, fra le quali la steatosi epatica, accumulo di grasso nel fegato (che negli alcolisti può anche tramutarsi in epatite). Il fegato ingrossato deve essere trattato adeguatamente al fine di evitare che la problematica possa diventare sempre più grave.

Il modo migliore per curare il fegato ingrossato, assieme all’eventuale terapia prescritta dal medico, è quello di mutare del tutto la dieta, in quanto come si sa il modo di alimentarsi impatta notevolmente sulla salute del nostro corpo e può determinarne il benessere o il malessere. 

Quindi il modo migliore per guarire dall’epatomegalia è quello di eliminare alcolici, fumo di sigarette, e le cattive abitudini alimentari. Bisogna quindi assumere una dieta adeguata per l’epatomegalia, che preveda il consumo, almeno due volte al giorno, di abbondanti porzioni di frutta e di verdura fresca. 

Eliminate l’alcol: concedetevi, al già, un bicchiere di vino a settimana ma solo se il medico approva. Bisognerebbe altresì abolire ogni tipo di bevanda eccitante, tè e caffè in primis. 

La pasta può continuare ad essere consumata, sempre però in bianco o con sughi molto semplici, come olio e pomodoro. 

Bisognerebbe evitare la carne rossa, preferendo quella bianca, evitando anche insaccati e cibi grassi, fritti, unti e pesanti. 

Cibi consigliati per la dieta in caso di fegato grosso sono i legumi, la carne di pesce. 

Ovviamente i cibi spazzatura in generale, così come le bibite zuccherate ed i dolci, devono essere abolite dalla dieta, se si vuole guarire dalla epatomegalia. Bisogna moderare l’apporto dei glucidi, specialmente raffinati, e moderare altresì l’assunzione di grassi saturi. 

In generale, sarebbe ottimale accordarsi con il medico curante circa la restrizione calorica da operare così da formulare una dieta più equilibrata. Concordare col medico l’abolizione dei farmaci epatotossici eventualmente assunti. 

Al termine di tutto quello che abbiamo detto, una salutare dieta contro il fegato grosso è quella depurativa. La dieta depurativa consiste nell’assunzione di acido ascorbico, di cinarina, di silimarina, tutte sostanze che sono prevalentemente contenute negli agrumi, nelle mele, mirtilli, cavolo, olio di extravergine di oliva crudo (che contiene antiossidanti), cardo mariano, ed il carciofo, che contiene la cinarina. 

Per poter aiutare il corpo a disintossicarsi e a guarire il prima possibile dalla problematica in questione, è consigliabile anche cominciare a praticare un’attività fisica che possa consentire al corpo di cominciare a funzionare correttamente. Accordatevi sempre con il medico dietologo circa i corretti termini della dieta e dello sport ideale per tornare ad uno stato di benessere fisico.